Cinque immagini per raccontare la Biblioteca Classense

La storica Biblioteca Classense è, a buon ragione, uno dei vanti di Ravenna: Il suo patrimonio e i suoi spazi danno a questa istituzione rilevanza nazionale. È molto amata sia dai cittadini che dai viaggiatori che sono alla ricerca delle bellezze uniche della nostra città. Come casa della cultura è particolarmente ospitale: vi si organizzano molti eventi, incontri, presentazioni, mostre e, d’estate, uno dei suoi chiostri si trasforma per diventare cornice dei concerti di Ravenna Festival. Sita nel centro di Ravenna, a pochi passi dal Duomo e da Piazza San Francesco, vale davvero la pena di essere visitata.

Con questo post proviamo a darvi un assaggio della Biblioteca Classense: cinque immagini per raccontare cinque buoni motivi per andare alla sua scoperta. Cominciamo!

La storia della sua fondazione

Sapevate che la storia della Biblioteca Classense è iniziata, non a caso, a Classe? Il primo nucleo della collezione libraria della Biblioteca nacque nel monastero della Congregazione dei Camaldolesi, che fino al XVI si trovava annessa alla Basilica di Sant’Apollinare in Classe, a 5 chilometri circa dal centro della città. Solamente nel 1512, in seguito alla famosa battaglia di Ravenna durante la quale il monastero fu saccheggiato, venne presa la decisione di spostare la sede entro le mura cittadine per motivi di sicurezza. La costruzione della nuova Abbazia Classense avvenne a partire da 1513 ove precedentemente sorgeva un ospedale, nell’attuale via Beccarini. Nel 1803 la prestigiosa libreria monastica dei Camaldolesi divenne Biblioteca Civica di Ravenna, in seguito alla legge napoleonica della soppressione dei beni monastici.

Monasterium Classis Ravennae | © classense.ra.it

Monasterium Classis Ravennae | © classense.ra.it


L’Aula Magna

L’Aula Magna o Libreria della Biblioteca Classense è l’ambiente che più di tutti resta impresso in chi la visita. Venne realizzata tra il XVII e il XVIII secolo dall’abate Pietro Canneti e decorata con statue, stucchi, scansie lignee intagliate finemente e opere pittoriche di mano di Francesco Mancini.

L’Aula Magna della Biblioteca Classense | © Cesare Pezzi


Il patrimonio librario

Ecco alcuni numeri e nomi che fanno di questa biblioteca una della più prestigiose collezioni italiane: la Classense conserva circa 750 manoscritti antichi, 350 dei quali sono codici databili fra il X e il XVI secolo. Tra questi, una menzione speciale la merita l’Aristofane, l’unico esemplare superstite che conserva tutte le undici commedie del commediografo greco, acquistato da Pietro Canneti a Pisa nel 1712. I libri a stampa antichi, stampati tra il XV e il XVIII, superano gli 80 mila. Tra i carteggi conservati, c’è quello tra il poeta inglese Lord Byron e Teresa Gamba Guiccioli, con la quale trascorse a Ravenna alcuni felici anni.

Ms. 406 - Raffigurazione dello scampato naufragio di Galla Placidia | © classense.ra.it

Ms. 406 – Raffigurazione dello scampato naufragio di Galla Placidia | © classense.ra.it


I gatti della Biblioteca Classense

Per gli amanti degli animali, questa particolarità della Biblioteca Classense sarà davvero una bella sorpresa. Da qualche anno l’edificio ha adottato una colonia felina: Byron, Teresa, Matta e Obama scorrazzano tra gli utenti che frequentano questo luogo speciale. Sarà anche un cliché, ma spesso i grandi lettori sono proprio quelli che non sanno resistere al fascino sornione di questi affascinanti felini: quale luogo migliore di questo, allora, per passare un po’ di tempo?

Uno dei gatti della Biblioteca Classense | @biblioteca_classense

Uno dei gatti della Biblioteca Classense | @biblioteca_classense


Le nozze di Cana di Luca Longhi

Al piano terra, nel grande refettorio cinquecentesco che dal 1921 è diventato la Sala Dantesca, si può ammirare un’importante opera del pittore ravennate Luca Longhi (1507-1590). Le nozze di Cana fu commissionato dall’abate di Classe don Pietro Bagnoli da Bagnocavallo nel 1579 all’artista e al figlio Francesco, ed eseguito l’anno successivo dietro compenso di 200 scudi d’oro. Pare che il pittore abbia usato come modelli il committente, lo storico Girolamo Rossi, il Cavalier Pomponio Spreti, ma anche se stesso e i suoi figli Francesco e Barbara, pittori anch’essi. Barbara, la ragazza in prima fila, a destra, che si gira leggermente per osservare il visitatore che l’ammira, ha uno sguardo indimenticabile.

La cena di Cana di Luca Longhi | © classense.ra.it

Le nozze di Cana di Luca Longhi | © classense.ra.it


Ma questo non è tutto! Se volete ammirare la Biblioteca nel suo complesso (oltre 28mila mq!), i suoi chiostri verdi, conoscere i suoi gatti, provare ad avvistare l’ottuagenaria tartaruga che si aggira nel giardino (ah, non ve l’avevo detto?) e ammirare le sue sale, la trovate in via A. Baccarini 3, e qui ci sono i suoi orari di apertura.

RavennaTourism è l’ente ufficiale di promozione turistica del Comune di Ravenna. Ogni giorno la nostra redazione racconta attraverso immagini e contributi di vario tipo la città al di fuori dei luoghi comuni, in un percorso in bilico tra arte, cultura, mare e natura.

Share This

Share this post with your friends!