La vera storia della Setta degli Accoltellatori di Ravenna

Che sia Halloween o Ognisanti, resta il fatto che giunge una notte dedicata alle anime, inquiete o gioiose che siano, che tornano a farci visita.
Chissà allora se in questi giorni, o meglio in queste notti, alcune anime inquiete vagheranno per le uggiose vie del centro storico di Ravenna, passando davanti a quei luoghi che le videro vittime in un lontano passato quando l’Italia era appena sorta.
Ecco la storia di alcuni di questi spiriti che perirono qualche secolo fa sotto le lame della Setta degli Accoltellatori.

Agli albori della lotta di classe, nella Ravenna tardo-risorgimentale di fine ‘800, nacque una “società” di accoltellatori che bersagliava esponenti delle istituzioni e facoltosi uomini del sistema bancario locale, ma anche guardie doganali, contrabbandieri, giornalisti e malcapitati.
Tra il 1865 e il 1871 23 membri della setta si macchiarono di una dozzina di delitti, prima che uno di loro, il delatore Giovanni Resta, decise di svelare tutto e poi fuggire impunito all’estero.

Al processo del 1874, che ebbe una eco nazionale, la banda, formata da anarchici ed ex- garibaldini, delusi dalla svolta monarchica che stava concludendo il Rosorgimento, venne ritenuta responsabile di incitamenti alla rivolta e del ferimento e della morte di molte personalità locali.

Questi delitti, spesso compiuti con la saracca (un tipico coltello romagnolo dalla micidiale lama diritta), si collegavano ad altri eventi sparsi per la Romagna, ai tempi percorsa da gruppi ribelli indomabili, fomentati da accese passioni politiche.

Tomba di Dante Alighieri (Ravenna)

Tomba di Dante Alighieri (Ravenna) | Foto @ Nicola Strocchi

I riferimenti toponomastici del processo e delle indagini ci permettono ancora oggi di calcare i passi della setta, immaginando un centro storico fatto di ponticelli e stradine oggi scomparse, viuzze e antiche osterie, una città in parte diversa da quella odierna, ma nella quale tuttavia molti palazzi e vicoli resistono come immutati testimoni.

Così possiamo immaginare, di fronte alla chiesa di Santa Maria del Torrione, un ponte sul fiume Montone (oggi una strada) dal quale venne gettato il corpo di Luigi Tassinari, rapito alla vita da 24 coltellate, come suo fratello, Augusto, che con lui era conosciuto con il soprannome di “Paganéll”. Era una notte di aprile del 1870 e gli accoltellatori colpivano per la settima volta.

La prima volta fu invece cinque anni prima, all’altezza del vicolo Pignata, che oggi non esiste più, all’angolo dell’odierna via Mazzini. Mentre saliva verso Porta Sisi, il Cavalier Antonio Monghini fu ferito, ma non a morte, da un’arma da taglio. Forse un avvertimento all’aristocrazia locale.

Ravenna - Porta Sisi

Ravenna | Porta Sisi

Nel maggio del 1871 venne invece colpito da un colpo di pistola il brigadiere Gaetano Plazzi, mentre sedeva a un tavolino del Caffè del Corso, oggi via Roma.

Il più “prestigioso” è forse però quello che avvenne il 1 giugno del 1868. Il Cavaliere Cesare Cappa, procuratore del Re, il quale, accompagnato dall’avvocato Malacorda, fu pugnalato a morte mentre infilava la chiave nella porta di casa nei pressi del vicolo San Vincenzo (oggi via Antica Zecca).

Così come fu pugnalato a morte il giovane Celeste Gherardi, ultima vittima della Setta, colpito da 26 pugnalate lungo la via Bassa, accanto allo scolo Lama, che ancora oggi costeggia Via Ravegnana.

Non furono gli unici eventi delittuosi e criminali attribuiti alla Setta, e molti di questi rimasero senza movente e senza colpevoli.


Prestate dunque attenzione, in queste sere, perché di sera avvennero tali misfatti. Magari qualche voce riecheggerà tra i portici e la nebbia…

Come quando trovi la sabbia dell’anno prima in fondo alla valigia

Share This

Share this post with your friends!