Godersi la primavera in riva al mare: le spiagge di Ravenna

Godersi la primavera in riva al mare: le spiagge di Ravenna

Questo periodo dell’anno è sicuramente quello che preferisco: comincia a far luce fino a sera, le temperature si alzano, la natura si risveglia e mi viene sempre una gran voglia di passare più tempo all’aria aperta. Quest’anno poi, con le feste di Pasqua, Pasquetta, il 25 aprile e il 1° maggio tutte in fila le occasioni per godersi qualche giornata di relax sono davvero numerose. A Ravenna gli eventi organizzati in questi giorni sono molti (uno fra tutti: la Notte d’Oro Primavera del 27/04), ma se volete prendervi un po’ di tempo per staccare la spina, non c’è niente di meglio che fare una gita al mare.

Le spiagge di Ravenna, non molto distanti dal centro cittadino, costellano quasi 40 chilometri di costa. I nove lidi di Ravenna sono tra loro molto diversi, e adatti alle esigenze di ciascuno. Le località più a nord, ossia Casal Borsetti, che un tempo un caratteristico borgo di pescatori, e Marina Romea si trovano al centro del Parco del Delta del Po, poco distanti dalle oasi di Valle Mandriole e da Punte Alberete. Queste due, insieme all’affascinante Lido di Dante, sono forse tra le spiagge di Ravenna quelle più adatte per una giornata o una vacanza rilassante. Se avete poco tempo, per ricaricare le batterie basta anche solo fare una passeggiata al crepuscolo.

Lido di Dante | Foto © Delio Mancini, Archivio Fotografico Comune di Ravenna

Lido di Dante | Foto © Delio Mancini, Archivio Fotografico Comune di Ravenna

Porto Corsini, con il suo bel porto turistico di MarinaRa, è separato da Marina di Ravenna solo dal canale Candiano che, come scrive Vania Rivalta, “più che una barriera fisica sembra essere un confine tra due modi di essere”. Se Porto Corsini è un lembo di terra strappato al mare, la spiaggia di Marina di Ravenna è ampia e attrezzata con numerosi stabilimenti, così come a Punta Marina Terme (dove, appunto, c’è anche un bel centro termale) e a Lido Adriano.

Queste località centrali sono perfette per chi, oltre a godersi la brezza primaverile in riva al mare, è in cerca di divertimento. Il 25, 26 e 27 aprile è previsto il Marina Summer Festival: tre giorni di musica e festa per celebrare l’inizio della bella stagione e l’apertura degli stabilimenti balneari, dalle 18 in poi.

Marina di Ravenna | Foto © Simone Masini, Archivio Fotografico Comune di Ravenna

Marina di Ravenna | Foto © Simone Masini, Archivio Fotografico Comune di Ravenna

Il primo dei cosiddetti lidi sud è il già menzionato Lido di Dante. Questa spiaggia prende il nome dal grande poeta, che amava trascorrere del tempo nella Pineta circostante. Se volete visitarla, vi consigliamo un piccola deviazione per andare a vedere la Torraccia, un’antica torre di avvistamento in laterizio.

La costa prosegue con Lido di Classe, località molto amata per la prossimità all’omonima pineta e ideale per chi in spiaggia vuole praticare sport. Non c’è di che annoiarsi: le strutture offrono campi da tennis, moto d’acqua, vengono organizzate lezioni di vela, kite surf, escursioni a cavallo e molto altro ancora. Lido di Savio, nono dei lidi ravennati, come il precedente offre molte attività a chi la visita, e ha in sé molte anime. Se volete venire in visita a Ravenna e state cercando alloggio, potrebbe fare al caso vostro: Lido di Savio offre infatti il maggior numero di hotel della costa ravennate.

Lido di Classe | Foto © Comitato Cittadino di Lido di Classe (via Lido di Classe)

Lido di Classe | Foto © Comitato Cittadino di Lido di Classe (via Lido di Classe)

La bella stagione è arrivata, e il mare vi aspetta: avete deciso quale delle spiagge di Ravenna fa al caso vostro? 😉

RavennaTourism è l’ente ufficiale di promozione turistica del Comune di Ravenna. Ogni giorno la nostra redazione racconta attraverso immagini e contributi di vario tipo la città al di fuori dei luoghi comuni, in un percorso in bilico tra arte, cultura, mare e natura.

Il Paguro di Ravenna: un relitto in fondo al mare

Il Paguro di Ravenna: un relitto in fondo al mare

Quello che oggi può essere considerato il più un importante sito di biologia marina di Ravenna si è costituito in circostanze del tutto imprevedibili. Conoscete la storia del relitto del Paguro?

La piattaforma Paguro venne fatta costruire dall’AGIP tra il 1962 e il 1963 a Porto Corsini. Nacque come piattaforma mobile per la perforazione di pozzi per l’estrazione di gas metano nel mare Adriatico. Nel 1965 fu posizionata sul nuovo sito di PC7 (Porto Corsini 7), ad una dozzina di miglia dalla foce dei Fiumi Uniti. Il 28 settembre 1965 si consumò la tragedia: quando la trivella raggiunse i 2900 metri di profondità, un’improvvisa eruzione di gas causò il cedimento delle pareti del pozzo. A scatenare questo disastro fu l’intaccamento di un giacimento sottostante quello che era interessato dalla perforazione di cui non si conosceva l’esistenza. La piattaforma cedette, avvolta dalle fiamme alimentate dalla fuoriuscita del gas, e il giorno seguente si inabissò in mare. L’incidente costò la vita a tre persone.

Esplosione della piattaforma Paguro (1965, Ravenna) | Wikimedia

Il crollo della piattaforma Paguro (1965, Ravenna) | Wikimedia

 

Il relitto del Paguro, nonostante le tragiche circostanze a cui è legato, negli anni è divenuto una meta di grande interesse per gli appassionati di immersioni e di biologia marina grazie alla grande varietà di flora e fauna che accoglie. Nel 1991 ai resti del relitto sono stati aggiunti nuovi materiali ferrosi provenienti dallo smantellamento di altre piattaforme affinché si integrassero con quelli dell’area. Dal 1995 è attiva l’Associazione Paguro, creata per salvaguardare il sito e regolamentare le immersioni. In anni più recenti, questo reef artificiale è divenuto anche il primo e unico sito marino ad essere nominato Sito d’Interesse Comunitario nella Regione Emilia Romagna.

Oggi la struttura del relitto del Paguro è già dalla zona più alta interamente ricoperto di specie come mitili, ostriche e altri organismi sessili quali i tunicati, i celentenari e i policheti, ad esempio. Sul fondale fangoso c’è una grande presenza di pinna pectinata. La particolarità del sito del relitto del Paguro è quella di ospitare pesci tipici dei fondali rocciosi, altrimenti difficilmente repelibili nella nostra costa. Sono presenti corvine, occhiate, mormore, gronghi, spigole e scorfani neri. Molti anche gli invertebrati mobili, a partire dagli ofiuridi, echinodermi, olotulidi, asteroidi. Diverse sono le varietà di granchi, che talvolta sono difficili da scorgere perché, se fermi, sanno mimetizzarsi benissimo. Presenti anche l’astice, il riccio e la cicala di mare.

Il relitto del Paguro è oggi tra i reef naturali ed artificiali dell’Adriatico al centro del progetto europeo di AdriReef, che ha come scopo quello di incentivarne la valorizzazione con la cosiddetta “economia blu” e di incoraggiare la ricerca scientifica di questi siti.

RavennaTourism è l’ente ufficiale di promozione turistica del Comune di Ravenna. Ogni giorno la nostra redazione racconta attraverso immagini e contributi di vario tipo la città al di fuori dei luoghi comuni, in un percorso in bilico tra arte, cultura, mare e natura.

Lido di Savio – Una spiaggia per tutti i gusti

Lido di Savio – Una spiaggia per tutti i gusti

File di ombrelloni schierati ordinatamente come un esercito colorato pronto a una battaglia contro il mare. Una distesa di colori: dal blu all’arancione passando al verde, e ancora daccapo, finché la tavolozza si mischia, si dirada e si confonde con l’orizzonte.

Palazzoni anni ’70 che ritagliano di netto un cielo blu intenso e senza nubi. Un sole che picchia forte, sabbia fine e soffice, e la riva lambita dalle acque fresche dell’Adriatico.
Oggi ci troviamo a Lido di Savio, l’ultima delle spiagge a sud della lunga Riviera di Ravenna, una località che con la sua semplicità riesce a dare tanto a chi sceglie di trascorrere qui le proprie vacanze.

Lido di Savio | Foto © www.youtube.com

Quando si parte per una vacanza, ognuno di noi ha aspettative diverse su come trascorrerà il tempo libero, che a volte non si allineano con quelle dei propri compagni di viaggio. C’è chi desidera totale riposo, passando giornate intere disteso sul lettino a dorar la pelle; chi, invece, non riesce proprio a rinunciare ad avventure, sport e divertimenti.

Lido di Savio possiede tutto questo e molto altro. Ha l’invidiabile dote di riuscire a soddisfare le esigenze più disparate, e a regalare sorrisi a chiunque si fermi per un po’ dalle sue parti.

Durante il giorno si possono fare tranquille biciclettate per raggiungere in un attimo la spiaggia; oppure lunghe e rilassanti passeggiate lungo la riva, prima o dopo il consueto bagno fatto per trovare sollievo dall’afa estiva, nelle acque poco profonde della Riviera.

All’ora di pranzo, non c’è nulla di meglio che ordinare una piadina o un crescione, in uno dei colorati e spartani chioschetti non lontani dalla spiaggia. Se si è abbastanza fortunati può capitare di incrociare alcuni agricoltori locali, contenti di proporre e far degustare i loro sani prodotti ai villeggianti, come miele, formaggio stagionato, salumi e ottima frutta e verdura.

Se si guarda invece all’ampia offerta di attività sportive, si nota subito che la noia non è proprio contemplata nel pacchetto. Infatti è possibile praticare sport che sono da sempre presenti sulle coste romagnole, come il surf, la vela, il beach tennis, il beach volley, e la corsa.

Quando arriva il tempo e la voglia di esplorare i dintorni, è giusto sapere che Lido di Savio gode di un’ottima posizione per visitare le località e le attrazioni più famose della Romagna. Luoghi molto conosciuti per l’intrattenimento come la vicina Milano Marittima, di cui ne forma una sorta di prolungamento; Mirabilandia, il parco divertimenti più grande d’Europa; e, per chi desidera una visita culturale, l’immancabile Ravenna con i suoi meravigliosi tesori artistici e culturali.

A fine giornata, quando arriva l’ora del tramonto, la località si trasforma e, come la protagonista di una fiaba, cambia veste. Abbandona la sua naturale e abituale semplicità per una manciata di ore e diventa una cittadina elegante, orgogliosa del suo lungomare, ricca di negozi e ristoranti dove ci si ferma giusto il tempo necessario, prima di tuffarsi e perdersi nella movida degli spettacoli e degli eventi organizzati per le sue strade.

C’è di tutto, anzi, molto di più di quello che ti aspetti… Romagna mia, lontan da te non si può star!

Lido di Classe – Un salto nel passato

Lido di Classe – Un salto nel passato

Camminare nella pineta, nel silenzio incontaminato mentre il sole occhieggia tra le chiome dei pini e vicino risuona la risacca del mare: sembra quasi di fare un salto nel passato, pur essendo così vicini alla civiltà. A pochi chilometri da Ravenna, Milano Marittima, Mirabilandia il panorama cambia completamente a Lido di Classe, un territorio racchiuso tra la foce del torrente Bevano e quella del fiume Savio, dove si possono ancora scoprire angoli incontaminati di natura.

La foce del Bevano con i suoi meandri e le sue curve è l’unico esempio di tutto il litorale emiliano-romagnolo di foce in spontanea e naturale evoluzione. Attorno ad essa si sviluppa un’ampia area di circa 40 ettari, testimonianza di come doveva essere un tempo il litorale romagnolo con le basse e morbide dune costiere e le lagune che compaiono improvvisamente dietro di esse. Un tempo prima che arrivasse l’uomo e trasformasse in maniera profonda con le sue esigenze la costa e l’entroterra.

Pineta di Classe

Pineta di Classe | Foto @ Delio Mancini, Archivio Fotografico Comune di Ravenna

Una lunga spiaggia arriva fino al vicino Lido di Dante e si snoda per ben 5 chilometri, fiancheggiata dalle dune e dalla pineta. E se gli animali qui sono disturbati dall’uomo che apprezza l’incontaminata bellezza di questo luogo, trovano invece rifugio poco distante, nelle due oasi naturali protette dell’Ortazzo e dell’Ortazzino. Una zona che si può percorrere a piedi o in bicicletta immersi nel silenzio, nel brusio degli uccelli, tra i tipici arbusti mediterranei, con il profumo aspro delle coccole dei ginepri, mentre sulle dune spuntano i fiori stellati dell’eringio o il delicato convolvolo delle sabbie.
L’ambiente incontaminato e lontano dai rumori dell’uomo attira animali timidi come istrice e puzzola, oltre a specie rare di uccelli come la beccaccia di mare, il fratino o il beccapesci. Amata dagli appassionati di birdwatching la zona è un centro importante per la migrazione e lo svernamento degli uccelli acquatici, ma anche per la nidificazione di diverse specie come l’elegante e leggero cavaliere d’Italia, la piccola Pettegola dalle zampe rosso-arancio brillante o l’alzavola dal capo castano macchiato di verde cupo o ancora il gabbiano comune. Un habitat che si è miracolosamente conservato.

Ma il viaggio nel tempo non si esaurisce qui: entrare nella Pineta di Classe poco lontana significa fare un tuffo nel passato quando la costa era arretrata di diversi chilometri. I quasi 1.000 ettari di questo bosco infatti fanno parte di quanto fu piantato in epoca romana per garantire l’approvvigionamento di legno per la flotta dell’Impero.

Sorse allora un borgo detto ‘classis’ cioè flotta, che tramanda l’entità definitiva del porto militare della Ravenna imperiale: centro della città di Classe fu la splendida basilica di Sant’Apollinare, dove ebbe sepoltura il vescovo Apollinare, fondatore della chiesa ravennate nonché patrono della città bizantina. La sua figura svetta su un prato verde circondato da fiori e da pecore in uno splendido mosaico al centro dell’abside della chiesa.
Il viaggio a ritroso nel tempo può continuare in bicicletta negli itinerari all’interno del Parco del Delta, mentre se volete un panorama veramente diverso gli amici di Ali di classe vi faranno ammirare, dall’alto, il paesaggio con gli ultraleggeri.

Ma, tornando nel presente, visto che vi trovate nella riviera romagnola non potete rinunciare alla possibilità di scegliere tra spiaggia libera o attrezzata, dove potrete scegliere tanti sport: vela, golf, canoa, kite surf, beach volley, beach tennis, pallacanestro.

Ed infine per gli amici a quattro zampe troverete una delle poche spiaggia italiane riservate a loro: i cani hanno infatti 50 metri di spiaggia libera a disposizione per godersi insieme ai padroni sole e mare.
La giornata si conclude con un film sotto le stelle all’arena del Sole, unica sala cinematografica all’aperto vicina alla spiaggia, dove si svolge d’estate anche il Festival Naturae, una manifestazione dedicata alla natura e a film a tema, a cui si aggiungono mostre, incontri, concerti e degustazioni.

Elena Nencini


9 spiagge in cerca d’autrice

Nove lidi e 40 chilometri di spiaggia, nove storie, nove stili diversi di vivere la vacanza, un microcosmo di realtà del litorale ravennate che offre sguardi differenti. Nascono così nove racconti imperniati sull’identità di ogni luogo, tra memorie, ricordi e fascinazioni.
Casal Borsetti, Marina Romea, Porto Corsini, Marina di Ravenna, Punta Marina Terme, Lido Adriano, Lido di Dante, Lido di Classe, Lido di Savio. Nove località raccontate da altrettante giornaliste.
Un viaggio in parole dove l’innovazione si affianca all’offerta balneare più tradizionale, con modalità diverse, passando da antichi borghi di pescatori, alle lottizzazioni degli anni ’70, alle riqualificazioni urbane ai grandi progetti del porto turistico e del terminal crociere, dalla pineta agli stabilimenti balneari più trendy, dalla natura incontaminata ai bagni attrezzati per lo sport.

RavennaTourism è l’ente ufficiale di promozione turistica del Comune di Ravenna. Ogni giorno la nostra redazione racconta attraverso immagini e contributi di vario tipo la città al di fuori dei luoghi comuni, in un percorso in bilico tra arte, cultura, mare e natura.

Lido di Dante – Un lido segreto

Lido di Dante – Un lido segreto

Vivo a Ravenna da quasi 30 anni, ma Lido di Dante è ancora un mistero. Nascosto tra la sua pineta secolare e le villette a schiera per villeggianti si prende gioco di chi ci arriva attirato da quello che si legge nei depliant. Non è Marina di Ravenna, e chi viene qui lo sa bene: non è trendy, non è il posto adatto per vedere gente, non ci trovi i locali di tendenza. Ma nemmeno gli slogan dell’industria turistica calzano: «gioiello naturalistico», «oasi protetta», «riserva naturale»: nomi troppo esotici per Ravenna.
All’inizio delude: il parcheggio, il chiosco, i due o tre bagni in puro stile anni ’60. Tutto qui? Non proprio.

La Riserva Naturale della Bassona

La Riserva Naturale della Bassona | Foto © lidodiclasse.com

Lido di Dante è un vecchio romagnolo: cuore grande, scorza dura e un pessimo carattere. Gli sta stretta qualsiasi definizione. Figurarsi la “reclame”.
D’altra parte, qui non si arriva per caso. L’unica strada che porta al mare, la Marabina, è stretta e polverosa: da un lato l’argine del Fiume Uniti, dall’altro la campagna lagunare piatta. Qualche pino spezza il paesaggio, per il resto è polvere e noia.

Fino a qualche anno fa, la prima immagine che appariva al visitatore era quella di qualche capanno abusivo a due passi dal mare. Dopo la riqualificazione, ti accolgono un parcheggio, un’area attrezzata e un chiosco di piadina. Scendi dalla macchina, e sei con i piedi a mollo. Dopo chilometri di polvere e terra, te la schiaffano lì la spiaggia, in puro stile romagnolo: senza fronzoli, senza le barriere degli stabilimenti balneari o della pineta ad ostacolare la vista. Intendiamoci, la pineta c’è ed è molto rinomata: alta, ombreggiata, profumata come tutte quelle che costeggiano i lidi. Ma è spostata di lato.

Come a dire: «Scegli o me o la spiaggia». Il paesaggio ricorda gli anni del primo boom turistico in Riviera: ombrelloni circoscritti nella zona più vicina al parcheggio e spiaggia libera che regna sovrana. Gli stabilimenti sembrano degli intrusi: due o tre, tanto per dare ai turisti qualcosa da bere nell’afa estiva. Il più grande, quello più vicino al parcheggio, si chiama Classe (dal nome dalla vicina località turistica): quasi una sfida. Ci trovi ancora i gelati Sammontana e nessuno ti guarda storto se decidi di mangiare un cartoccio di patatine fritte in riva al mare. Con gli annunci all’altoparlante in sottofondo: «Pronta la pizza», «Mario, vieni a prendere il tuo panino». Altro che il sushi e i cibi dietetici di Marina.

Le comodità sono davvero un optional qui: niente alberghi di lusso, o residence. Al massimo Lido di Dante ti offre graziose villette a schiera da affittare oppure centinaia e centinaia di piazzole di sosta per camper o tende per il turismo all’aria aperta. È la Natura che detta le regole del gioco.
Se ci si spinge oltre i primi bagni, con una passeggiata sulla spiaggia o in mezzo alla pineta (a piedi o in bicicletta perchè le auto sono bandite), si arriva alla riserva naturale della Bassona. È qui che Lido di Dante mostra davvero sé stessa: non a tutti, solo a chi va oltre le apparenze. Il paesaggio cambia continuamente: le dune si disfano e si rimodellano al soffio dei venti e a seconda degli umori del mare.

Passeggiare in riva è come visitare una mostra di design: i tronchi bianchi portati a riva dalla vicina foce del fiume Bevano somigliano a complementi d’arredo, elegantissimi nella loro nodosità. In inverno, se si è fortunati, si possono vedere pescatori di telline affaticati su strumenti da pesca d’altri tempi come il rastrello. Sullo sfondo, una piattaforma petrolifera che con il suo rosso pallido di nebbia dà un tocco di colore all’intera scena.

Questa è Lido di Dante: autentica, come i capanni che si trovano tutt’attorno alla foce del Bevano (una piccola “boca” nostrana che raccoglie le seconde case dei ravennati). Residuo di un turismo d’altri tempi riservato a quanti, grattando via la patina dei pregiudizi e delle impressioni, hanno il coraggio di spingersi fin qui. Ne vale la pena.

Daniela Verlicchi


9 spiagge in cerca d’autrice

Nove lidi e 40 chilometri di spiaggia, nove storie, nove stili diversi di vivere la vacanza, un microcosmo di realtà del litorale ravennate che offre sguardi differenti. Nascono così nove racconti imperniati sull’identità di ogni luogo, tra memorie, ricordi e fascinazioni.
Casal Borsetti, Marina Romea, Porto Corsini, Marina di Ravenna, Punta Marina Terme, Lido Adriano, Lido di Dante, Lido di Classe, Lido di Savio. Nove località raccontate da altrettante giornaliste.
Un viaggio in parole dove l’innovazione si affianca all’offerta balneare più tradizionale, con modalità diverse, passando da antichi borghi di pescatori, alle lottizzazioni degli anni ’70, alle riqualificazioni urbane ai grandi progetti del porto turistico e del terminal crociere, dalla pineta agli stabilimenti balneari più trendy, dalla natura incontaminata ai bagni attrezzati per lo sport.

RavennaTourism è l’ente ufficiale di promozione turistica del Comune di Ravenna. Ogni giorno la nostra redazione racconta attraverso immagini e contributi di vario tipo la città al di fuori dei luoghi comuni, in un percorso in bilico tra arte, cultura, mare e natura.

Lido Adriano – Un mosaico di realtà

Lido Adriano – Un mosaico di realtà

Le case vacanze, i palazzoni che guardano a picco sul mare, le famiglie a passeggio nelle affollate sere estive e gli inverni silenziosi, avvolti dalla nebbia e illuminati dalle luci di bar e negozi. L’Eva 2000, locale storico degli anni Settanta e Ottanta riaperto da poco e i laboratori teatrali di Ravenna Teatro.

Lido Adriano è nata e cresciuta in fretta dove c’erano le risaie e qualche pino, lunga e stretta guarda il mare tra Punta Marina Terme e Lido di Dante. È tante cose, diversissime tra loro: è la sua forza e la sua modernità. Ha circa ottomila residenti ed è la frazione del comune di Ravenna più popolosa, con abitanti che provengono da oltre cinquanta differenti nazioni. Arrivano dal Sud e dall’Est del mondo, ma anche da altre parti d’Italia, dal meridione soprattutto. Passeggiando lungo le sue strade, il profumo del cous cous si mischia a quello della piadina.

Mondi diversi convivono, si sfiorano, a volte si incrociano: i ravennati che ci abitano tutto l’anno, pochi rispetto a quelli che trascorrono l’estate qui da sempre nel cuore della località. E gli stranieri con i figli dall’accento romagnolo. Simile a una metropoli per il melting pot di etnie, lingue, culture e religioni presenti, metafora dei cambiamenti della società contemporanea, è una realtà in continuo movimento che sta riscoprendo nuove radici e identità.

Lido Adriano | Foto © ravennaedintorni.it

Lido Adriano | Foto © ravennaedintorni.it

Luogo di mare, ma anche periferia di Ravenna, Lido Adriano è stata edificata negli anni ’50 del secolo scorso e destinata, in principio, a un turismo di massa.
D’estate la popolazione si moltiplica, la spiaggia è affollata e sullo sfondo, in mare, le scogliere antierosione – le prime a essere realizzate in questo tratto di costa – proteggono la località come in un abbraccio. Sono una caratteristica del paesaggio, come la spiaggia ‘corta’ e le piscine, nate negli anni Novanta per sfidare la mucillagine, e ancora oggi in uso ad arricchire l’offerta turistica. ‘Lido’, come la chiama chi ci abita o la conosce bene, non si arrende e negli anni ha trasformato le proprie debolezze in forza.

‘Porta d’Oriente’
l’hanno definita Laura Gambi e Luigi Dadina nel loro libro che racconta la storia del paese, della sua edificazione, dando voce alle diverse realtà che ci vivono. Un viaggio nella memoria di chi è nato qui e di chi è invece arrivato da molto lontano.

Località balneare per famiglie e giovani ma anche terreno di sperimentazioni, come tutti i luoghi di confine. Non a caso Lido Adriano è da quasi dieci anni una delle ‘officine’ più prolifiche della ‘non scuola’, progetto di Ravenna Teatro dedicato agli adolescenti. “Un’incursione nel territorio multietnico di Lido Adriano è un’occasione per riflettere sulla periferia come luogo privilegiato di nuove esplorazioni da compiere attraverso l’arte, la scrittura, la coscienza politica”.
Così la compagnia teatrale spiega il lavoro che sta portando avanti nel paese dove non esistono cinema né teatri, ma ragazzi dalla vitalità sorprendente.

Annamaria Corrado


9 spiagge in cerca d’autrice

Nove lidi e 40 chilometri di spiaggia, nove storie, nove stili diversi di vivere la vacanza, un microcosmo di realtà del litorale ravennate che offre sguardi differenti. Nascono così nove racconti imperniati sull’identità di ogni luogo, tra memorie, ricordi e fascinazioni.
Casal Borsetti, Marina Romea, Porto Corsini, Marina di Ravenna, Punta Marina Terme, Lido Adriano, Lido di Dante, Lido di Classe, Lido di Savio. Nove località raccontate da altrettante giornaliste.
Un viaggio in parole dove l’innovazione si affianca all’offerta balneare più tradizionale, con modalità diverse, passando da antichi borghi di pescatori, alle lottizzazioni degli anni ’70, alle riqualificazioni urbane ai grandi progetti del porto turistico e del terminal crociere, dalla pineta agli stabilimenti balneari più trendy, dalla natura incontaminata ai bagni attrezzati per lo sport.

RavennaTourism è l’ente ufficiale di promozione turistica del Comune di Ravenna. Ogni giorno la nostra redazione racconta attraverso immagini e contributi di vario tipo la città al di fuori dei luoghi comuni, in un percorso in bilico tra arte, cultura, mare e natura.