L‘Isola degli Spinaroni, fra storia e suggestioni ambientali

L‘Isola degli Spinaroni, fra storia e suggestioni ambientali

Fra le tante suggestioni – ambientali, turistiche, enogastronomiche – che caratterizzano la zona dei lidi a nord di Ravenna, un richiamo realmente fantastico e forse impareggiabile è quello che viene dall’Isola degli Spinaroni.

Nel cuore delle zone umide a nord di Ravenna sopravvive, infatti, una piccola isola dotata di alto valore ambientale ma soprattutto di interesse storico, che rende una qualunque escursione a questo piccolo lembo di terra posto all’interno della Piallassa della Baiona un’esperienza davvero straordinaria.

Piallassa della Baiona (Ravenna)

Piallassa della Baiona (Ravenna)

Legata alla battaglia per la liberazione della città, combattuta alla fine del 1944, allorché il movimento partigiano decise di costituire qui una base clandestina permanente, l’Isola degli Spinaroni può essere raggiunta facilmente grazie a una motobarca attraccata all’entrata della località di Porto Corsini (circa 15 minuti).

Fra capanni da pesca, aironi e garzette, e placido sciabordio delle onde, trascorrere una giornata in questi luoghi può servire per staccare dalla quotidianità e immergersi in un’atmosfera davvero fuori dal mondo.

Isola degli Spinaroni (Ravenna)

Isola degli Spinaroni (Ravenna) | Foto © resistenzamappe.it

Una volta sbarcati sull’isola, e al netto dei racconti che ricordano le gesta partigiane, il visitatore può percorrere gli spazi selvaggi accanto al capanno dell’ANPI e scoprire non solo gli “spinaroni” (ovvero una particolare varietà di arbusti tipica di queste zone), ma anche imbattersi in aironi, garzette, padelloni, silenzi, odori e profumi di valle, mediamente sconosciuti ai più.

Insomma, la visita agli Spinaroni diventa davvero una gita allettante e comoda per qualsiasi turista si trovi a transitare lungo la nostra Riviera.

Visite Guidate Isola degli Spinaroni

5 idee per fare una gita nei dintorni di Ravenna

5 idee per fare una gita nei dintorni di Ravenna

Se state organizzando un viaggio a Ravenna e avete già pianificato una visita alle sue attrazioni imperdibili, che cosa potete fare per arricchire il vostro itinerario? Nel nostro blog troverete sicuramente molti buoni consigli.

Se volete rimanere all’interno delle mura della città, potete dare un’occhiata a questo post per conoscere quali storie celino le vie del centro, mentre se volete scoprire le bellezze low cost di Ravenna, a questo link troverete altri ottimi spunti. Qualora voleste invece allungare la vostra permanenza perlustrando anche territori limitrofi, che mete potreste scegliere?

La vicinanza al mare, al Parco del Delta del Po con i suoi paesaggi naturali notevoli e la bellezza dell’entroterra romagnolo sapranno ispirarvi sicuramente la voglia di fare una gita fuori porta. In questo post vi consiglio cinque mete nei dintorni di Ravenna, cinque luoghi incantevoli a pochi chilometri dalla città per scoprire qualcosa in più sul suo territorio. Vi siete armati di mappa, carta e penna? 😉


Le saline di Cervia

Mi sento di eleggere a buon ragione le saline di Cervia a meta n. 1 da visitare nei dintorni di Ravenna. Il sale di Cervia è noto per la sua qualità: si tratta di un sale marino integrale ma soprattutto dolce, che si presta ad essere largamente usato in cucina. La raccolta del sale avviene nei mesi estivi ancora secondo tradizione: se siete curiosi di assistervi, una visita in questo periodo è l’ideale!

Il sito, all’interno del Parco del Delta del Po, è davvero suggestivo: i riflessi rosacei delle sue vasche donano atmosfere indimenticabili, soprattutto al tramonto. Dal punto di vista naturalistico, si segnala anche la presenza di numerose specie di uccelli migratori che vengono a nidificare nelle vicinanze, come i fenicotteri e i cavalieri d’Italia. Per conoscere la storia della produzione e del commercio del sale, vi consiglio di aggiungere al vostro itinerario anche una tappa ai Magazzini del sale di Cervia, oggi sede del MUSA – Museo del Sale.

Tutte le informazioni per visitare le saline le trovate qui.

Saline di Cervia | Foto © salinadicervia.it

Saline di Cervia | Foto © salinadicervia.it


Brisighella

All’atmosfera di un borgo romantico proprio non sapete resistere? Perfetto, ho quello che fa per voi. A circa 1 h di macchina da Ravenna si erge la bella Brisighella. Ogni stagione è la stagione giusta per andarci: in primavera, quando il Parco regionale della Vena del Gesso Romagnola si offre nel suo momento migliore; in estate, quando le luci della sera si confondono con tramonti mozzafiato e il borgo si fa ancora più suggestivo; in autunno, tempo di sagre paesane; e in inverno, quando il borgo si inneva e il paesaggio diventa da cartolina.

Quello paese adagiato sulle colline faentine vale davvero una visita: il piccolo borgo è reso speciale dall’Antica Via del Borgo, detta anche “Via degli Asini”. Si tratta di una strada sopraelevata e coperta datata al XII secolo, provvista di fori ad arco un tempo usati in funzione difensiva. La sua architettura davvero unica vi stupirà! Il paesaggio che circonda Brisighella è caratterizzato da tre colli su cui spiccano i simboli del borgo: l’imponente Rocca Manfrediana (in foto), il santuario della Beata Vergine del Monticino, e la cosiddetta torre dell’Orologio.

La Rocca Manfrediana di Brisighella | Foto © Umberto Paganini Paganelli, via WikiLoveMonuments

La Rocca Manfrediana di Brisighella | Foto © Umberto Paganini Paganelli, via WikiLoveMonuments


Comacchio

Mi accorgo mentre scrivo che oggi sono ispirata da mete particolarmente romantiche e che offrono tramonti mozzafiato. Comacchio, ad esempio come le saline di Cervia e Brisighella è fantastica all’ora del crepuscolo.

Situata a 40 km a nord di Ravenna, Comacchio è un piccolo borgo costruito su tante isole circondate dall’acqua all’interno del suggestivo paesaggio del Parco del Delta del Po, eletto Patrimonio dell’Umanità (Unesco) nel 1999. Non è un caso che spesso venga definita “piccola Venezia”! Il simbolo del borgo è sicuramente il complesso dei Trepponti, un tempo porta di accesso monumentale al centro storico.

Se scegliete Comacchio per una gita fuori porta, vi segnalo anche il nuovo Museo del Delta Antico, dove scoprire la storia dell’area del Delta del Po, e Palazzo Bellini, Galleria d’Arte Contemporanea nonché sede dell’Archivio Storico cittadino. Da non perdere anche il Duomo di San Cassiano, la Loggia del Grano, la Torre Civica e il famoso Loggiato dei Cappuccini: 142 archi succedenti che dal centro portano all’antico Santuario dedicato a Santa Maria in Aula Regia.

Tramonto a Comacchio | Foto © Wiki Loves Monuments

Tramonto a Comacchio | Foto © Wiki Loves Monuments


Faenza e la ceramica

Faenza dista una 40 km da Ravenna e vale la pena visitarla soprattutto perché è la patria dell’arte ceramica. Volete una dimostrazione? Lo sapevate che all’Estero è largamente diffuso l’utilizzo del termine faience, nome francesizzato della città, per indicare la maiolica?
Già nel Cinquecento Faenza era nota per il pregio artistico di questi prodotti. Se Ravenna è la capitale del mosaico, Faenza è quella della ceramica e per le sue strade si trovano più di 50 botteghe che portano avanti questa tradizione. Qui, non a caso, si trova il MIC – Il Museo Internazionale delle Ceramiche, una grandissima raccolta tipologica dedicata alla ceramica.

Il centro storico di questa città sulla via Emilia accoglie i visitatori nelle sue due piazze congiunte, quella del Popolo e quella della Libertà. Palazzo del Podestà e il Palazzo Comunale ornano la prima, mentre nella seconda si erge la cattedrale rinascimentale dedicata a San Pietro Apostolo. A unire i due spazi ci sono la barocca fontana monumentale in pietra d’Istria e bronzo e la torre civica dell’Orologio, simboli della città.

La città di Faenza | Foto © Paolo Morelli, via Wikipedia


La Bassa Romagna

Ok, va bene, quest’ultima proposta non è solo una meta, diciamo che è più un tour. Ma volete venire a Ravenna senza esplorare il territorio romagnolo? La Bassa Romagna, la cosiddetta “Terra del Benvivere”, è la zona che si sviluppa tra Faenza, Ravenna e Ferrara. Dieci sono i comuni dell’area: Bagnacavallo, Lugo, Massa Lombarda, Fusignano, Conselice, Alfonsine, Russi, Cotignola, Bagnara di Romagna e Sant’Agata sul Santerno. Visitandoli ci si perde nelle campagne, tra strade e stradine, e la vita sembra farsi più distesa. C’è un posto migliore per farsi un bicchiere di Sangiovese che in una trattoria di provincia? Non credo!

Ogni comune ha la sua particolarità e un buon motivo per essere visitato. A Russi, ad esempio, si trova una villa romana conservatasi in modo notevole, Cotignola si distingue per le opere di street art, Bagnacavallo per la sua particolarissima Piazza Nuova. Volete un assaggio? Eccolo:


I dintorni di Ravenna, così come il centro della città, sono ricchi di bellezze da scoprire. Questi sono solo alcuni spunti che potete cogliere per organizzare la vostra permanenza nel territorio. Ma, in fondo, qual è la cosa migliore di un viaggio? Sorprendersi delle piccole cose che non ci si aspettava di trovare. Ecco, per quelle non c’è guida che tenga. Basta seguire il proprio istinto!

Angoli naturali da scoprire a Ravenna

Angoli naturali da scoprire a Ravenna

Il bello di Ravenna è che è la meta ideale per qualsiasi vacanza o gita si voglia organizzare.
Siete appassionati di storia e cultura? Benissimo, le proposte della città d’arte sono ricchissime, a cominciare dagli otto monumenti del sito Unesco.
Siete alla ricerca di un po’ di sole, mare e relax? Ben nove lidi costellano 35 chilometri di costa.
Siete amanti della natura e delle attività all’aria aperta? Non tutti conoscono le oasi e le valli che circondano la nostra città, paesaggi unici e affascinanti dove immergersi nel verde: meno note delle pinete, ma non meno suggestive.

I punti di interesse per gli amanti della natura a Ravenna e dintorni sono numerosi, e molti di questi fanno parte dell’area del Parco del Delta del Po, Patrimonio Unesco. Oggi vi portiamo alla scoperta di alcuni di questi luoghi, punti perfetti per godersi una bella giornata di sole a pochi chilometri dal centro della città.

L’Oasi di Boscoforte

L’Oasi di Boscoforte si trova a nord di Ravenna, a circa 30 chilometri. Si tratta di una piccola penisola che si estende per 6 chilometri lungo l’argine sinistro del Reno, circondata dalle acque delle valli di Comacchio.

Al suo interno, tra specchi di acqua dolce, canneti, tamerici, pioppi e salici, trovano il posto ideale per nidificare e sostare numerosissime specie di uccelli. Gli amanti del birdwatching possono ammirare fenicotteri rosa, avocette, volpoche, spatole e il falco di palude. I più fortunati, invece, riescono ad ammirare anche l’usignolo di fiume o il basettino (ormai molto raro).

L’Oasi di Boscoforte è molto nota anche per la presenza dei numerosi cavalli di razza Camargue posti in libertà in questa piccola lingua di terra incontaminata. Poco distante si trova anche il museo NatuRa, ricco di collezioni storiche ornitologiche, oltre che raccolte di conchiglie, rettili e mammiferi del territorio ed esotici.

L’accesso al sito è consentito solamente in giornate prestabilite e con visite guidate: è bene organizzarsi se si vuole godere di questa oasi naturale, aventi caratteristiche specifiche uniche quanto a patrimonio faunistico e di biodiversità. Per info: www.atlantide.net


Valle Mandriole e l’Oasi del Bardello

Non molto distante dall’Oasi di Boscoforte, costeggiata dal Fiume Lamone si trova Valle Mandriole, detta anche della Canna. Parliamo di una suggestiva valle di 260 ettari dove specchi d’acqua dolce sono circondati da fitti canneti, a nord del bosco allagato di Punte Alberete.

Una torre di avvistamento, collocata sul lato sud, permette agli appassionati di ornitologia di osservare l’area dall’alto. Anche qui, le specie interessanti non mancano. La zona è popolata soprattutto da garzaie di aironi europei, ma nidificano anche la folaga, lo svasso maggiore e l’oca selvatica.

Quella che viene chiamata Oasi o Bassa del Bardello è una piccola area a est di Valle Mandriole, che costituisce l’unica parte di prateria sommersa di acqua dolce della zona. In quest’oasi è possibile ammirare tartarughe d’acqua e una flora variegata, dove spiccano il ranuncolo d’acqua e orchidee selvatiche.

L'Oasi del Bardello - Un tuffo nella natura a Ravenna

L’Oasi del Bardello | Foto © Delio Mancinii, Archivio Comune di Ravenna


La Pialassa della Baiona e Prato Barenicolo

La Piallassa della Baiona si trova a soli 10 chilometri da Ravenna, in direzione nord. 1100 ettari di zone umide che, viste dall’altro, formano un mosaico di terra e acqua poco distante dal Mare Adriatico. Il termine “Piallassa” nasce probabilmente dal sistema dinamico lagunare che riceve (“piglia”) e restituisce (“lascia”) l’acqua marina a seconda delle maree. Una scacchiera di specchi d’acqua, dossi e canali artificiali rendono l’aspetto di questo paesaggio davvero unico.

Il Prato Barenicolo è uno dei più affascinanti chiari dell’area: è una piccola prateria salmastra popolata da una ricca vegetazione e molti uccelli, come avocette, cavalieri d’Italia e limicoli. Durante l’alta marea, l’acqua salmastra sommerge il prato, rendendolo inaccessibile.

La laguna può essere raggiunta dalla Pineta di San Vitale. L’ideale è visitarla partecipando ad un’escursione organizzata a piedi, in bicicletta o a bordo di una barchetta.

La Piallassa della Baiona

La Piallassa della Baiona (Porto Corsini) | Foto © Fabrizio Zani, Archivio Comune di Ravenna


Ortazzo, Ortazzino e Foce del Bevano

All’interno della Pineta di Classe, nei pressi della foce del Bevano, le aree denominate dell’Ortazzo e dell’Ortazzino costituiscono il sito costiero che vanta la maggiore biodiversità dell’intero litorale emiliano-romagnolo. La foce di questo torrente è oggi l’ultima foce estuariale meandriforme dell’alto Adriatico che non ha subito interventi e che continua ad evolversi in modo naturale. Quest’area, che si estende per circa 40 ettari, merita di essere visitata perché è testimonianza di come doveva essere la costiera prima che l’uomo intervenisse modificandone l’aspetto.

L’Ortazzo si formò come valle di acqua dolce, ma oggi è contaminata dalla falda salmastra che l’ha reso un ampio stagno costiero, dall’aspetto praticamente incontaminato. Solo durante la bella stagione i punti più bassi si asciugano e si formano vaste distese fangose. Nell’area dell’Ortazzino, a ovest della foce, prati aridi di ginepro e olivello spinoso si alternano ai prati umidi e salmastri, dove svettano dall’acqua giuncheti e salicornieti.

Il sito è l’habitat naturale di numerose specie di uccelli, che si possono trovare nelle fasi di migrazione, svernamento e di nidificazione. In questa zona si possono ammirare anche meravigliosi esemplari di rapaci diurni come le albanelle e l’aquila anatraia maggiore.

L'Ortazzo - Un tuffo nella natura a Ravenna

Pineta di Classe | Foto © Delio Mancini, Archivio Comune di Ravenna


Abbiamo stuzzicato la vostra fantasia e vi è venuta voglia di andare alla scoperta delle oasi naturalistiche di Ravenna?
Prenotate su Ravenna Experience il vostro percorso di visita!

I Giardini di Ravenna: natura, storia, sport e relax!

I Giardini di Ravenna: natura, storia, sport e relax!

La città di Ravenna è ricca di aree verdi, ed è evidente soprattutto se la si guarda dall’alto. I giardini e i parchi sono diversi e hanno caratteristiche e peculiarità differenti, così che ce n’è davvero per tutti i gusti! Sono infatti molto frequentati e apprezzati sia dai ravennati che dai turisti. Che cosa li rende così speciali? Se non li conoscete bene o non li avete ancora visitati, questa piccola guida fa al caso vostro!

I GIARDINI PUBBLICI DI RAVENNA

I giardini pubblici di Ravenna, che si estendono per oltre 3 ettari e mezzo, sono stati inaugurati all’inizio degli anni Trenta del secolo scorso e sono il primo vero parco Urbano della città. L’area, così vasta, precedentemente era la sede dell’ippodromo e del velodromo ravennati. Il progetto era firmato dall’architetto Arata e il suo nucleo centrale si ispirava molto alla struttura canonica del giardino all’italiana. Il parco è adatto per molte occasioni: ha un bar, molti giochi per bambini, è adatto sia per rilassarsi con un buon libro che per fare attività fisica. L’Associazione Amici della Cardiologia ha infatti collaborato con il Comune creando un’area con attrezzi per fare ginnastica.

Nel 1985 al suo interno è stato inaugurato il Planetario, dove spesso si organizzano conferenze, lezioni, laboratori didattici. La struttura è in possesso di uno strumento in grado di proiettare sulla cupola l’immagine artificiale della volta celeste nelle migliori condizioni di visibilità, grazio al quale si possono osservare le stelle e le costellazioni di entrambi gli emisferi.

Su una delle pareti esterne del Planetario è possibile anche ammirare una grande installazione di mosaico dell’artista Invader, raffigurante lo Spock di Star Treck nell’atto di salutare un alieno venuto ad attaccare la terra. Invader è uno street artist francese di fama internazionale e Ravenna può vantare molte sue opere, sparse in giro per la città.
I giardini pubblici sono aperti dalle 7.30 al tramonto e si trovano tra via Santi Baldini e via Roma, alle spalle del Mar e di Santa Maria in Porto.

La Loggetta Lombardesca dai Giardini pubblici di Ravenna | © retealmagia via Instagram

La Loggetta Lombardesca dai Giardini pubblici di Ravenna | © retealmagia via Instagram


IL GIARDINO RASPONI O DELLE ERBE DIMENTICATE

Il Giardino Rasponi o delle erbe dimenticate si trova nel centro della città, in Piazzetta Paolo Serra. La sua posizione lo rende ancora più affascinante perché dal suo interno si gode di una bella vista della cupola del Duomo e del suo bel campanile circolare. Il Giardino è detto delle “erbe dimenticate” perché lì vengono coltivate erbe recuperate dagli antichi ricettari degli speziali oltre che ad erbe più note al giorno d’oggi e presenti nelle ricette della cucina mediterranea.
Il Giardino è aperto dalle 9 alle 12.30, dal lunedì al sabato.

Giardino Rasponi o delle erbe dimenticate | © www.fiori-forchette.com

Giardino Rasponi o delle erbe dimenticate | © www.fiori-forchette.com


I GIARDINI DELLA ROCCA BRANCALEONE

Questa grande area verde (di oltre 17.000 mq!) sarà la prediletta degli appassionati di storia e di archeologia, che a Ravenna di certo non mancano. Il parco si estende tra le mura dell’antica fortezza veneziana che gli dà il nome. La Rocca Brancaleone fu costruita a partire dalla metà del XV secolo per rafforzare le difese della città. La zona era infatti utilizzata per gli alloggi delle guarnigioni, per i depositi di derrate, delle armi, e anche per le stalle della cavalleria.
I giardini sono stati aperti negli anni Settanta, e oggi è possibile leggere su dei pannelli didattici sia la storia della Rocca veneziana che descrizioni della flora presente nel parco. È attrezzato con giochi per i bambini e panchine per rilassarsi e ammirare il paesaggio.
I giardini si trovano in via Rocca Brancaleone e sono aperti tutti i giorni, ma gli orari variano di mese in mese. Puoi consultarli qui.

Giardini della Rocca Brancaleone | © www.romagnamania.com

Giardini della Rocca Brancaleone | © www.romagnamania.com


PARCO DI TEODORICO

In prossimità di Giardini della Rocca Brancaleone, si estende un’altra immensa area verde: quella del Parco di Teodorico. Il nome si rifà all’importante Mausoleo di Teodorico, uno dei simboli di Ravenna, che si erge al suo interno. Il re in persona volle la costruzione del Mausoleo, avvenuta nel 520 d.C..
L’architetto Boris Podrecca ha progettato i giardini per esaltare la bellezza del monumento e per creare scorci suggestivi dai quali poterlo ammirare. Il parco contiene aree molto differenti tra loro: fare una passeggiata qui è una vera immersione nel verde! Al suo interno si trovano zone alberate, orti conclusi, specchi d’acqua in cui in estate fiorisce il loto, aree per i giochi dei bambini… e anche tartarughe, anatre, pesci, oche!
Il Parco è tra via Pomposa e via delle Industrie ed è aperto tutti i giorni dalle 7.30 del mattino all’ora del tramonto. Gli orari di apertura del Mausoleo di Teodorico potete invece trovarli, insieme ad altre informazioni, qui.

Mausoleo di Teodorico, Ravenna | © www.carnetdevoyage.it

Mausoleo di Teodorico, Ravenna | © www.carnetdevoyage.it


I GIARDINI PENSILI DEL PALAZZO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA – CRIPTA RASPONI

Nel cuore della città, con accesso da Piazza San Francesco, ci sono i giardini pensili del Palazzo della Provincia. Il giardino, molto curato, ha al suo centro una grande fontana che rende l’ambiente ancora più armonioso. Tra la vegetazione svetta una torretta neogotica, sulla quale si può salire per accedere al belvedere da cui ammirare sia Piazza San Francesco che il giardino dall’alto.
L’ingresso è a pagamento (il prezzo intero è di soli 2 euro, e sono previste riduzioni) e permette di far visita anche alla suggestiva Cripta Rasponi, che costituiste il più antico nucleo conservatosi del complesso di Palazzo Rasponi. Risale probabilmente alla fine del Settecento e in realtà non fu mai utilizzato come sepoltura della famiglia. Al suo interno, particolarmente interessante è l’antica pavimentazione in mosaico, forse proveniente dalla chiesa di San Severo a Classe (VI sec.).
Per maggiori informazioni e per gli orari, potete guardare qui.

Giardini pensili del palazzo della Provincia e Cripta Rasponi | © www.criptarasponi.it

Giardini pensili del palazzo della Provincia e Cripta Rasponi | © www.criptarasponi.it

ItineRA, festa del cammino consapevole: Orienta-menti

ItineRA, festa del cammino consapevole: Orienta-menti

Dopo il successo della prima edizione, torna ItineRA dal 29 settembre al 14 ottobre. La festa del cammino consapevole è promossa e organizzata da Trail Romagna in compartecipazione con il Comune di Ravenna. Per quindici giorni fra le vie e le aree verdi di Ravenna e dintorni, cittadini e turisti sono invitati alla riscoperta di itinerari laterali e interdisciplinari atti a corroborare una visione inedita della città dove storia, cultura, arte, gastronomia e ambiente si intersecano, arricchendo di nuovi percorsi una mappa già fitta ma in continua espansione. Trait d’union della rassegna è, naturalmente, il cammino declinato e interpretato da ItineRA a seconda delle più svariate necessità: da salutare attività sportiva a privilegiato strumento cognitivo, da motivo d’incontro e condivisione a occasione di riscoperta psicofisica, da atto estetico a intimo percorso spirituale.

Come nella precedente edizione, la rassegna si articola in numerosi eventi, conversazioni, passeggiate e incontri dedicati alla rieducazione al cammino, sotto la guida di qualificati istruttori di Nordic Walking Fitwalking. Ad aprire il secondo appuntamento con ItineRA è una passeggiata tutta ravennate sulle evanescenti orme di Dora Markus, musa montaliana il cui ricordo ancora oggi anima di suggestioni la diga foranea di Marina di Ravenna. Rigorosamente ravennati sono anche la Darsena Urban Walk, passeggiata attraverso il sensibile segmento della Darsena di Città che dall’inconscio urbanistico sta lentamente riappropriandosi di una rigenerata e stratificata identità, e il pellegrinaggio dalla solitaria e suggestiva Torre del Candiano (Turrazza) alla Basilica di Santa Maria in Porto, sulle tracce misteriose della Madonna Greca che ancora oggi costituisce un inscindibile legame con l’Oriente.

Darsena Urban Walk | Foto © Trail Romagna

Darsena Urban Walk | Foto © Trail Romagna

A rimarcare il valore spirituale del cammino, intervengono la passeggiata meditativa nella selvaggia penisola di Boscoforte, fra i canneti e i silenzi delle Valli di Comacchio santalbertesi, e un corposo itinerario culturale e antropologico dedicato ai santuari naturali e artificiali della città, alla riscoperta della Pinete e dei principali monasteri, come San Giovanni Evangelista, San Vitale e Classe dentro le mura. I Monasteri saranno anche al centro di un incontro interdisciplinare con il saggista Maurizio Pallante e il monaco Camaldolese Natale Brescianini, che abbraccia filosofia, economia e spiritualità per esplorare il nesso fra monachesimo ed economia sostenibile.

Anche quest’anno, numerosi sono gli incontri promossi da ItineRA con personalità legate al mondo della cultura, dello sport, dell’arte, della gastronomia: lo scrittore e giornalista per Tuttosport Andrea Schiavone, il condirettore della rivista ‘Correre’ Daniele Menarini si confronteranno sul tema del racconto e della visione, con incursioni nel cinema dedicato “all’andare a piedi”. Il Priore Generale dei Monaci Camaldolesi Alessandro Barban terrà assieme a Don Claudio Ciccillo e a Franco Chiarini di ChefToChef un incontro dedicato all’alimentazione sostenibile, alla fine del quale sarà possibile partecipare a una cena solidale presso la Fraternità di San Damiano.

Franco Masotti intraprenderà un sorprendente percorso su quegli artisti – da Campana a Long, passando per Herzog, Cage e Sebald – che hanno fatto del cammino una vera e propria pratica estetica, linfa stessa della loro arte.Lo scrittore Davide Comunale ci guiderà lungo la Magna Via Francigena siciliana, mentre Nicolò Giraldi e Andrea Mattei presenteranno i rispettivi nuovi volumi per Ediciclo (il primo, un drammatico viaggio nella memoria della migrazione dimenticata lungo il confine orientale italiano, mentre il secondo un vademecum sull’arte di fare lo zaino). Infine lo scrittore Fabio Fiori, già collaboratore di Rai Radio Tre e diversi quotidiani e riviste, presenterà il suo Erba buona, ricettario di un girovago, dedicato alle erbe commestibili che chiunque può trovare lungo il proprio cammino.

Questo e molto altro all’interno di una rassegna che, giunta al suo secondo appuntamento, sceglie di approfondire quanto già affrontato lo scorso anno, e di porre dunque con forza il cammino al centro del dibattito culturale e creativo, al fine di costruire percorsi multimediali partendo dal più semplice e spontaneo dei gesti.

Per scoprire il ricco calendario di ItineRa, vi invitiamo a consultare il programma e seguirci su www.trailromagna.eu. Nel sito troverete tutti gli approfondimenti e, in fondo a ogni evento, un form dedicato all’iscrizione.